capodannoudine.com - cenoni, feste, discoteche, hotel, agriturismi, tutto su come passare il capodanno a Udine e provincia

Info e Prenotazioni:

Scrivici info@capodannoudine.com

La storia di Udine

La storia della città di Udine rivive ancora nei bellissimi monumenti

Storia di UdineLa storia di Udine e della sua provincia, al confine nord-est italiano, ha avuto una storia lunga e turbolenta.

 

La zona è stata controllata da vari popoli nel corso degli anni, ognuno dei quali ha influenzato notevolmente questa zona, portando Udine ad essere quello che è oggi.

 

Per poter capire la storia della città è fondamentale osservare ed ammirare i monumenti di Udine.

 

Sin dal Neolitico questa zona d'Italia è stata abitata.

 

Nel corso del 4° secolo aC, dei gruppi di Celti invasero la regione, ma dal 2° e 3° secolo aC, i Romani presero il sopravvento.

 

Nel 470, quando l'Impero Romano e Aquellela, signore della zona, è caduto, Udine ha aumentato la sua importanza.

 

È cresciuto fino ad avere un mercato prospero e una grande economia, diventando addirittura la base del Patriarca nel 1223.

 

La prosperità di Udine è durata fino al 1400, quando è entrata a far parte della Repubblica di Venezia.

 

L'anno 1511 ha cambiato per sempre il percorso di Udine. La guerra civile scoppiata nella regione e, poco dopo, un terribile terremoto che ha scosso la provincia distruggendo la maggior parte delle cose.

 

Peste e carestia hanno spazzato la regione subito dopo, uccidendo gran parte della popolazione. Nel 1517, il castello è stato ricostruito e si può ancora visitare oggi.

 

Dopo molti anni, Udine è diventata prosperava ancora una volta sotto il dominio veneziano, fino al 1797, quando Napoleone ha sconfitto la repubblica di Venezia.

 

Udine è stata francese fino al 1815, quando il Regno Lombardo-Veneto, governato dagli austriaci, ha preso il comando di questa regione.

 

Durante questo periodo, il Palazzo Patriarcale è stato utilizzato come prigione. Infine, qualche decennio più tardi, nel 1866, Udine è stata presa dal Regno d'Italia.

 

Durante la prima guerra mondiale, questa regione è diventata una base di partenza molto importante per i militari italiani.

 

In omaggio a quel momento turbolento della storia della città, è ancora possibile visitare il cimitero militare, che è il più grande in Europa con oltre 100.000 tombe.

 

Quando la guerra è finita, Udine è tornata ad essere una parte d'Italia.

 

Al giorno d'oggi, è possibile visitare alcuni dei più importanti monumenti, come Santa Maria della Chiesa del Castello, la più antica a Udine, oppure i favolosi palazzi creati da Andrea Palladio nel 1500, che sono ancora in ottime condizioni.

publisher
back to top